La lingua degli orchi del Pentacolo

Presto sarà possibile scaricare il modulo "Il linguaggio degli orchi nelle terre del Pentacolo" in formato pdf.

Premessa
Ad essere precisi non esistono orchi nelle radiose regioni del Pentacolo. Queste creature oscure votate al caos e al male non hanno diritto di cittadinanza nelle terre liberate dalla Lux in Tenebra, e le loro comunità si trovano piuttosto al di là della Barriera

Dunque il linguaggio degli orchi non si conosce per contatto diretto, poiché nessuno studioso ha mai potuto soggiornare tra questo popolo per un tempo sufficientemente lungo da identificare almeno le strutture di base di questa lingua selvaggia, né gli orchi gradiscono trattenersi a lungo nelle terre del Pentacolo. L'unico mezzo di trasmissione della lingua al di qua della Barriera è avvenuto per il tramite dei mezzorchi, creature che camminano in instabile equilibrio sul filo che separa la luce dall'oscurità. Nel Pentacolo si incontrano infatti rari mezzorchi che offrono i loro servigi come mercenari o praticano una discutibile forma di commercio (soprattutto contrabbando o tratta di schiavi). Si conoscono quindi pochi vocaboli e una elementare struttura grammaticale.

Caratteristiche generali della lingua
La lingua orchesca è molto rudimentale, poiché riflette una società molto rozza. Non esiste una letteratura né una poesia, anche se si conosce l?esistenza di un gruppo di frasi ritmate, quasi degli slogan, che per tradizione vengono utilizzate come incitamento durante le battaglie.

Nella lingua orchesca sono preferiti i suoni oscuri, dunque vengono utilizzate con grande abbondanza le vocali "o" ed "u": meno frequente è la "a", rara la "i". "Y" e "j" sono suoni semivocalici. Non esiste la vocale "e".
Questo linguaggio ha solitamente un suono fastidioso per gli umani. pieno com'è di aspirazioni anche molto gutturali, fastidiosi suoni sibilanti come "sz" e suoni stridenti come quello combinato "zg": le "r" si pronunciano come raschiandole sul fondo del palato, suono a che agli umani ricorda pratiche molto poco educate di liberazione del naso e della gola dal catarro!

Gli elfi lo trovano decisamente disgustoso e non sopportano di sentirlo pronunciare in loro presenza Di conseguenza nessun elfo parla questa lingua, anche in modo rudimentale, anche se spesso suo malgrado ne capisce qualche vocabolo.

Il vocabolario a tutt'oggi conosciuto nelle terre del Pentacolo è davvero limitato, ed è comunque piuttosto infrequente che qualcuno parli questa lingua. I mezzorchi, infatti, tendono a parlare il linguaggio comune del Pentacolo, più pratico per scambi commerciali, e solo raramente ricorrono alla lingua dei loro progenitori.

Privacy and cookies law
Privacy and cookies law